Ultima modifica: 6 Febbraio 2020

Incontro con Sabina Fornetti

Campionessa di sitting-volley presso la scuola secondaria Rosa Bianca

L’incontro con l’atleta paralimpica, ex azzurra, di sitting volley è stato organizzato per 3 gruppi di classi, ognuno con 2 ore di lezione di attività in palestra.
Entusiasti ed attenti gli alunni delle classi 1° G-D-H-C-A e delle 3° G-L-C-D hanno posto domande per conoscere Sabina e lo sport che ha praticato ad altissimi livelli, fino alle olimpiadi di Rio 2016.
L’atleta Saluzzese è sostenitrice dello sport come “scuola di vita” e il suo intervento si propone anche lo scopo di trasmettere ai ragazzi l’idea che esistono “diverse abilità” non disabilità.
Sabina si è avvicinata prima al nuoto, poi agli sport praticati nei gruppi sportivi ai tempi della scuola media e allo sci nautico. Con la maturità ha conseguito più brevetti subacquei, ha sperimentato lo sci alpino e lo sci sulle dune di sabbia, ma è con il sitting volley che è arrivata a rappresentare l’Italia nella nazionale paralimpica nelle selezioni per Rio 2016.
Dopo una prima parte di colloquio, i ragazzi hanno direttamente sperimentato il sitting volley in palestra, prima con esercizi di spostamento senza palla e poi con la palla.
Le colleghe di lettere delle prime – Berardo, Garrone e Picca – hanno promosso l’incontro relativamente al concorso su Nuto Revelli, mentre l’intervento di Sabina è stato organizzato dal Dipartimento di Ed. Fisica.